I Pirates rivedono la luce

0
635

I ragazzi di Coach Ferrari erano chiamati a dare continuità alla bella prova vittoriosa di due settimana fa contro i Blitz ed effettivamente  non hanno deluso il proprio tecnico. Una partita che si preannunciava spigolosa e difficile, sia per tradizione che per i punti in palio. Con la vittoria i savonesi avrebbero dato una svolta positiva al loro campionato e cosi’ è stato. Una vittoria che permette ai pirati un balzo in avanti in classifica, superando proprio gli eporediesi di Coach Pitossi. Ora i savonesi si attestano al terzo posto del girone ed affronteranno nella successiva fase ad orologio, fuori casa nel derby delle due Riviere, i Predatori Gdt, ora secondi, mentre tra le mura amiche a Savona, nuovamente i Mastiffs Ivrea, ora quarti dietro i Pirates 1984.

I pirati salgono in terra piemontese con parecchie defezioni dell’ultima ora. Ma il nutrito roster  e qualche giocatore in doppio ruolo, sopperiscono brillantemente alle importanti assenze. Subito kickoff  per  i mastini. Ma commettono un fumble, ricoperto dai blu savonesi. Palla alla offense ligure sulle 30 yds dei mastini. Partono male i savonesi. Due snap sbagliati  consecutivi, di cui il secondo perso e riportato per circa 30 yds, manda in visibilio il pubblico piemontese. Due azioni ed è subito touchdown per i bianchi di Pitossi. La successiva trasformazione in calcio non riesce. Mastiffs 6 – Pirates 0.

Buon ritorno del # 5 Romano dei pirati, oggi anche in versione ritornatore, permette ai suoi di ripartire sulle proprie 40 yds. Ma l’attacco fatica ad ingranare. Il qb # 1 Burato non riesce a dare ritmo ai suoi, che vanno nuovamente al punt. Anche i mastini vengono fermati dalla D ligure. Punt. Ottimo ritorno  e ripartono i pirati. Dopo una serie di corse del duo # 44 Leoni e #11 Moreno, quest’ultimo autore di una prova di grande sacrificio, macinando yards, il qb # 1 Burato pesca con un preciso lancio di 30 yds il #87 Raffaelli che si invola per altre 30 yds fino ad una yards dalla end zone piemontese. Nel successivo drive è il # 44 Leoni che entra in end zone, pareggiando ed Il # 10 Colombo trasforma tra i pali portando in vantaggio i pirati. Mastiffs 6 – Pirates 7.

Ripartono i bianchi piemontesi, ma il  “black wall” ligure  oggi non lascia nulla. Punt. I pirati ripartono ed il loro attacco comincia a carburare. Una serie di drive  con corse e lanci li porta a ridosso della end zone eporediese.  Qui però, come accade da qualche partita, si disunisce e si blocca, complice anche la difesa piemontese. Field goal del #10 Colombo che trasforma preciso. Mastiffs 6 – Pirates 10.

I mastini provano ad imbastire qualche azione di attacco, ma la D savonese non concede nulla e ferma l’attacco piemontese. La offense savonese ringrazia e riparte. Ora i suoi attaccanti hanno preso ritmo e tra corse e lanci si presentano nuovamente presso l’end zone dei mastini. Sembra che ancora una volta il coaching staff ligure debba ricorrere al field goal, ma ci pensa il #41 Buetto a trovare il varco giusto. Questa volta il # 10 Colombo viene stoppato dalla difesa piemontese, mettendo fine alla sua serie consecutiva di trasformazioni, arrivata a 8. Mastiffs 6 – Pirates 16.

I mastini ripartono e con al forza dell’orgoglio arrivano fino alle 30 yds liguri. Si sveglia la D savonese che li ferma e li costringe al field goal. Brutto snap e calcio abortito.  Si va al riposo segnalando una bella combinazione di lancio tra il #1 Burato ed il suo ricevitore #81 Prosetti, che riceve un bellissimo pass di oltre 40 yds, arrivando a poche yards dalla end zone.

SECONDO TEMPO

Nel secondo tempo la musica non cambia. Mentre i mastini non riescono a dare continuità alle loro azioni di attacco, i pirati attendono sornioni il momento propizio per sferrare il colpo del ko.  E cosi succede. Ottimo punt di # 10 Colombo che mette i mastini in crisi, facendoli ripartire sulle proprie 10 yds. Qui succede il disastro. Il runner  eporediese perde palla sulle proprie 20 yds, che viene prontamente  ricoperta dalla D ligure. La offense savonese cerca il colpo di grazia e lo trova con una breve corsa del suo qb #1 Burato che entra in end zone. Colombo trasforma glaciale. Mastiffs 6 – Pirates 23.

La partita non cambia. I mastini provano la reazioni di orgoglio ma il  black wall” savonese mette la museruola agli attaccanti piemontesi. Non si passa. La offense ligure pensa a far passare il tempo, palla ai corridori ed il tempo viene mangiato.

Si chiude il match con il # 1 Burato che si inginocchia con il pallone, dopo che la sua D gli aveva riconsegnato l’ovale ricoprendo  un’altro fumble piemontese.

Pronostico rispettato non senza qualche problema, sopratutto nel primo quarto di gioco che  ormai è una costante savonese. Ma contro squadre più attrezzate, i savonesi  non potranno permettersi  queste false partenze. Regalare tempo e terreno agli avversari, alla lunga puo’ creare quel gap che diventa poi incolmabile nel proseguo della partita.  Nella prova dei savonesi, tutti su di un ottimo livello,  spiccano  i ragazzi della  linea verde,  # 47 Bruno e #43 Perrone in difesa.  Bene in attacco #1 Burato,   # 87 Raffaelli ed #81 Prosetti, autori di ottime ricezioni, oltre ai runningbacks macina yards, i soliti #44 Leoni e #11 Moreno. Sempre preciso il kicker #10 Colombo. Per la D da sottolineare anche la grande prova del # 5 Romano, autore di ottimi placcaggi oltre che di un paio di ritorni.

Michele Giacchello, Presidente Pirates 1984 : “Volevamo questa vittoria che ci permette di poter vedere il traguardo dei  playoff. Abbiamo il nostro obiettivo a portata di mano. Starà a noi afferrarlo e continuare in modo positivo il nostro cammino. Mi aspetto dai ragazzi che le ultime due partite di regular season diventino leggendarie, come solo i Pirati sanno fare. Un applauso ai sostituti dei nostri ragazzi infortunati. Quest’anno è un campionato iniziato già con parecchie assenze importanti e che ha avuto continuità, purtroppo in negativo, con gli infortuni. Sono annate che possono essere demoralizzanti oppure far trovare nuova forza e motivazione ai componenti della squadra. Per fortuna cosi è stato. Tutti stanno dando il 110% per raggiungere l’obiettivo. Li vedo in allenamento. Si impegnano e lottano, si sacrificano. Questa è già una vittoria”.

Ufficio Stampa Pirates 1984

Foto Sara Amodio

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY