I Pirates ingabbiano le tigri toscane

0
94

PIRATES SAVONA 21 WHITE TIGERS MASSA 6

Partita molto intensa e combattuta al Pirates Field, con le due compagini che si sono affrontate duramente ma con grande lealtà e sportività. Le due squadre in campo con obiettivi diversi. I toscani, per diventare la seconda forza del girone e puntare direttamente ai playoff, mentre i pirati per confermare la loro leadership, in condivisione con i Predatori e chiudere positivamente la pratica playoff. Gran bel pubblico che fin dal mattino ha seguito prima l’esordio delle Sealights, il team femminile che è nato con l’accordo sportivo tra le Saette piemontesi e le Pirates e dopo il team senior maschile ligure. Purtroppo per le ragazze un esordio negativo, con la sconfitta per 0-40 ad opera della forte squadra veronese One Team.

Inizio match con kick off pirata ed i toscani che ricevono partendo in attacco. Nulla di fatto. La D pirata, “The Black Wall”, mette subito in mostra una reattività e fisicità che blocca la offense massese che va al calcio di allontanamento. Ma anche le tigri toscane in difesa si fanno rispettare, con i due fratelli Vergazzoli sugli scudi. Punt anche per i Pirates. Ottimo drive dei liguri che li porta fino alle 10 yds difensive toscane, ma qui una serie consecutiva di falli, li allontana dalla red zone. Tentano anche un 4° down, che non viene convertito. Palla ai toscani sulle loro 30 yds. Dopo una corsa bloccata dalla D ligure, il quarterback prova un lancio in screen. Ottima lettura del cb #21 Raffaelli che anticipa in velocità il ricevitore avversario e si invola solitario in end zone. Colombo torna il cecchino infallibile e trasforma. PIRATES 7 – WHITE TIGERS 0.

Finisce il primo quarto con i pirati in vantaggio. Sembrerebbe un preludio per una giornata ricca di mete, ma i  due attacchi si bloccano, soprattutto per merito delle due difese. Una fase di stallo che fa solo scorrere il tempo sull’orologio. Leggermente meglio i liguri che hanno nel loro quarterback, il #1 Burato l’arma in più del loro attacco. Le sue corse tolgono sempre dai guai la offense pirata. Manca una manciata di minuti all’intervallo  ed i liguri si trovano a metà campo con un 3° down  e out da giocare. Posizione difficile  ed infatti la D toscana manda  al quarto down i pirati.  Tutti  pensano al punt ma la sideline ligure, calcolando erroneamente il tempo che rimaneva alla fine, opta per giocarsi il down. I toscani bloccano agevolmente l’iniziativa. Palla in mano al loro attacco che riparte in buona posizione. Un buon drive porta le tigri a ridosso della red zone dove chiudono in meta,  con un passaggio millimetrico del loro quarterback Petrucci per Signorino, che in solitaria riceve segnando. La D pirata blocca la trasformazione. Fine primo tempo. PIRATES 7 – WHITE TIGERS 6

18119395_1482826475110723_7248973267973502518_n

Il secondo tempo si apre con un ottimo ritorno pirata del # 21 Raffaelli che si invola per 50yds, portando il suo attacco oltre la meta campo. Qui il  #1 Burato orchestra un ottimo drive che chiude con passaggio di 20 yds su # 81 Prosetti che riceve in meta. Il # 10 Colombo infallibile,  trasforma. PIRATES 14 – WHITE TIGERS 6. Bene il calcio di kick off del # 44 Leoni, che spedisce l’ovale fino alle 10 yds toscane. Posizione difficile, ma l’ottima qualità della offense toscana riesce a togliersi dai guai, avanzando quel tanto che basta per permettere al loro punter di calciare. Finta punt e conquista del primo down sulle 45 yds difensive. Si erge ancora invalicabile la D ligure, che va all’intercetto, con la safety #22 Marcato, vanificato da un fallo che nessuno ha capito e subito dopo, deflettando con il # 47 Bruno un altro lancio. Anche i toscani provano la chiusura del 4° down ma vengono fermati. Palla in mano alla offense ligure che viene fermata anch’essa. Tutte e due le squadre provano a chiudere i quarti down, sintomo di team in salute e con idee, ma le due difese sono implacabili e bloccano i tentativi. Oramai si è entrati nell’ultimo quarto di gioco.  I pirati non vogliono rischiare e mettono la palla a terra. Avanzano e fanno scorrere il tempo. Arrivano fino quasi alla loro metà campo e questa volta vanno al punt. Oramai mancano circa tre minuti e pensano a controllare il gioco. Ottimo il punt del # 10 Colombo che calcia molto alto dando il tempo ai suoi compagni di arrivare sul giocatore toscano per impedirgli di ritornare la palla. Cosi succede. Al momento che il ritornatore afferra la palla, viene colpito duramente dal # 95 Bollo, provocando la caduta del pallone, il quale viene prontamente raccolto dal # 5 De Grandis che si invola in meta. Esplosione di gioia della sideline e del pubblico, ma il ref gela tutti dando il “non possesso “ della palla da parte del giocatore toscano. Quindi palla viva, cioè di chi la conquista ma non ritornabile ed il gioco riprende da dove si è fermata la palla dopo la caduta. Quindi i Pirates ripartono nelle 30 yds toscane. Entra la offense ligure decisa a chiudere i giochi. Un paio di corse ed è il # 49 Ruta che mette il sigillo al match, andando a segnare con una breve corsa di 5 yds. Colombo chiude la sua giornata infallibile, trasformando per la terza volta. PIRATES 21 – WHITE TIGERS 6

Fine match.

I Pirates salpano cosi verso i playoff, mentre i toscani dovranno vincere l’ultima partita contro gli Alfieri Asti per poter sperare in un ripescaggio come migliore terza. Appuntamento per la compagine Pirates  il 13 Maggio in trasferta a Chiavari,  per lo scontro al vertice contro i Predatori Gdt, appaiati in classifica con 4 vittorie a testa ed una sconfitta.  Chi vincerà, oltre al prestigio della vittoria, conquisterà la posizione migliore nella griglia dei playoff.

Ufficio Stampa Pirates Savona

Foto Marco Ferrando

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY